Piccoli consigli utili per rendere meravigliose le vostre Ortensie.

L’Ortensia è una pianta ornamentale di facile coltivazione. L’esplosione di utilizzo nei giardini di questo arbusto è avvenuta nel XIX secolo, grazie all’importazione delle prime varietà provenienti dall’Asia.

Un po’ tutte le varietà di ortensie prediligono terreni acidi, ma si adattano bene anche a PH neutri.

Il cambiamento di PH del vostro terreno non è molto semplice da attuare, si possono mescolare torbe acide, ma, vista l’abbondante richiesta idrica di questo arbusto, col passare del tempo il PH tende a neutralizzarsi.

Parlando della richiesta idrica di questa pianta non possiamo non affermare che l’ortensia necessiti di molta acqua, per questo motivo è consigliabile l’impanto in ambienti umidi e ombreggiati, possibilmente lungo un fosso o un corso d’acqua. Se queste condizioni non sono possibili, bisogna irrigare spesso.

Per quanto riguarda la concimazione, l’ortensia richiede concimazioni con prodotti ricchi di potassio e soprattutto ferro, un buon concime per acidofile ha di norma titoli alti di questi due elementi, ed è adatto a questa coltura.

Utilizzando alcuni minerali poi, è possibile accentuarne o, in alcuni casi, anche variarne il colore, passando, per esempio, dal bianco all’azzurro.

Durante il periodo invernale è necessario potare queste piante, la potatura varia molto dalla varietà, ma di norma basta cimare i rami dell’anno ed eliminare quelli di due anni.