Gli utilizzi dei macerati di erbe ed essenze della linea PrestoBio nell’orto.

La nuova linea PrestoBio, l’aiuto naturale per il nostro orto e le nostre piante. Questa linea di prodotti 100% naturali sfrutta le proprietà di erbe comuni, rendendole facili da preparare e utilizzare. Con i macerati pronti e le essenze sminuzzate di Ortica, Equiseto, Consolida e Felce potremo aiutare le nostre piante durante la crescita, donargli vigore e proteggerle dalle avversità.

 

 

MACERATO DI CONSOLIDA:

Questa preparazione naturale utilizzabile in agricoltura biologica, si utilizza come complemento ai vostri fertilizzanti organo-minerali abituali. Questo fermentato vegetale è ottenuto secondo i metodi tradizionali di fermentazione e filtraggio a base di consolida ed acqua ed ha la proprietà di stimolare la flora batterica del terreno, per migliorare il sapore dei vostri frutti e tuberi, oltre ad avere anche effetti benefici contro gli attacchi funginei.

Ricca di calcio, fosforo e soprattutto potassio, aiuta la crescita delle piante e ne favorisce la fioritura.

Indicato per verdure, piccoli frutti, alberi da frutto, viti e fiori, si può utilizzare sia per fertirrigazione alla dose di 50ml/lt che per via fogliare alla dose di 20ml/lt.

Disponibile anche la versione sminuzzata che si può usare in 3 modi: infusione, spargimento e macerazione.

In infusione basta immergere il sacchetto da 50 g in 1-1,5 lt d’acqua piovana o risorgiva. Portare ad ebollizione e lasciare bollire a fuoco lento con il coperchio chiuso per 30 minuti, lasciare raffreddare e diluire poi in 20 lt d’acqua. Il preparato va irrorato entro 48 ore dalla preparazione.

Per spargimento basta incorporare e mescolare 25-50 g di prodotto alla terra della pianta.

Per macerazione immergere un sacchetto da 50 g in 5 lt d’acqua piovana o risorgiva e lasciare a macerare per 15 giorni, mescolando tutti i giorni per favorire la fermentazione.

 

 

 

MACERATO DI FELCE:

Questa preparazione naturale utilizzabile in agricoltura biologica, si utilizza come complemento ai vostri fertilizzanti organo-minerali abituali. Questo fermentato vegetale è ottenuto secondo i metodi tradizionali di fermentazione e filtraggio a base di felce ed acqua ed ha la proprietà di regolare lo sviluppo della pianta e renderla più resistente all’aggressione di agenti esterni.

Ricca di potassio e magnesio, stimola la fioritura e lo sviluppo dei frutti, aumenta lo sviluppo dell’apparato radicale e di conseguenza favorisce un migliore sfruttamento delle risorse idriche del terreno, oltre ad aumentare la resistenza della pianta all’attacco di funghi avversi.

Indicato su piante da orto, piccoli frutti, alberi da frutto, viti e fiori, si può utilizzare sia per fertirrigazione alla dose di 50ml/lt che per via fogliare alla dose di 20ml/lt.

Disponibile anche la versione sminuzzata che si può usare in 3 modi: infusione, spargimento e macerazione.

In infusione basta immergere il sacchetto da 50 g in 1-1,5 lt d’acqua piovana o risorgiva. Portare ad ebollizione e lasciare bollire a fuoco lento con il coperchio chiuso per 30 minuti, lasciare raffreddare e diluire poi in 20 lt d’acqua. Il preparato va irrorato entro 48 ore dalla preparazione.

Per spargimento basta incorporare e mescolare 25-50 g di prodotto alla terra della pianta.

Per macerazione immergere un sacchetto da 50 g in 5 lt d’acqua piovana o risorgiva e lasciare a macerare per 15 giorni, mescolando tutti i giorni per favorire la fermentazione.

 

 

 

MACERATO DI EQUISETO:

Questa preparazione naturale utilizzabile in agricoltura biologica, si utilizza come complemento ai vostri fertilizzanti organo-minerali abituali. Questo fermentato vegetale è ottenuto secondo i metodi tradizionali di fermentazione e filtraggio a base di equiseto ed acqua e garantisce lo sviluppo ed il mantenimento verticale delle piante; inoltre rafforza la resistenza all’aggressione di agenti esterni (come afidi).

L’equiseto, conosciuto come coda cavallina, ha numerose virtù molto apprezzate in agricoltura biologica. Ricco di silice, è un eccellente fertilizzante, che favorisce il mantenimento delle piante. Contiene, inoltre, elementi fertilizzanti quali magnesio, calcio, potassio e fosforo. Il suo apporto stimola l’attività biologica nel terreno e migliora l’assimilazione del calcio da parte dei vegetali.

Indicato su piante da orto, piccoli frutti, alberi da frutto, viti e fiori, si può utilizzare sia per fertirrigazione alla dose di 50ml/lt che per via fogliare alla dose di 20ml/lt.

Disponibile anche la versione sminuzzata che si può usare in 3 modi: infusione, spargimento e macerazione.

In infusione basta immergere il sacchetto da 50 g in 1-1,5 lt d’acqua piovana o risorgiva. Portare ad ebollizione e lasciare bollire a fuoco lento con il coperchio chiuso per 30 minuti, lasciare raffreddare e diluire poi in 20 lt d’acqua. Il preparato va irrorato entro 48 ore dalla preparazione.

Per spargimento basta incorporare e mescolare 25-50 g di prodotto alla terra della pianta.

Per macerazione immergere un sacchetto da 50 g in 5 lt d’acqua piovana o risorgiva e lasciare a macerare per 15 giorni, mescolando tutti i giorni per favorire la fermentazione.

 

 

 

MACERTATO DI ORTICA:

Questa preparazione naturale utilizzabile in agricoltura biologica, si utilizza come complemento ai vostri fertilizzanti organo-minerali abituali. Questo fermentato vegetale è ottenuto secondo i metodi tradizionali di fermentazione e filtraggio a base di ortica ed acqua e favorisce l’attecchimento delle radici dopo il trapianto; inoltre aiuta in maniera considerevole la fotosintesi clorofilliana, aiutando l’accrescimento e la resistenza della pianta alle avversità.

L’ortica è un ottimo fertilizzante, ricco di potassio e magnesio, vitamine e soprattutto di azoto organico, facilmente assimilabile; Inoltre sono riconosciute le sue proprietà di difesa contro gli afidi.

Indicato su piante da orto, piccoli frutti, alberi da frutto, viti e fiori, si può utilizzare sia per fertirrigazione alla dose di 50ml/lt che per via fogliare alla dose di 20ml/lt.

Disponibile anche la versione sminuzzata che si può usare in 3 modi: infusione, spargimento e macerazione.

In infusione basta immergere il sacchetto da 50 g in 1-1,5 lt d’acqua piovana o risorgiva. Portare ad ebollizione e lasciare bollire a fuoco lento con il coperchio chiuso per 30 minuti, lasciare raffreddare e diluire poi in 20 lt d’acqua. Il preparato va irrorato entro 48 ore dalla preparazione.

Per spargimento basta incorporare e mescolare 25-50 g di prodotto alla terra della pianta.

Per macerazione immergere un sacchetto da 50 g in 5 lt d’acqua piovana o risorgiva e lasciare a macerare per 15 giorni, mescolando tutti i giorni per favorire la fermentazione.